Arriverà primo tante volte Justin Laevens, 19enne talento belga del ciclocross, in sella alla sua bicicletta. Magari a braccia alzate e già il prossimo 10 gennaio al campionato nazionale per professionisti dove sfiderà ciclisti del calibro di Wout van Aert, Quinten Hermans e Michael Vanthourenhout.

A testa alta, altissima invece, è già primo nella storia del suo sport. Justin è il primo ciclista professionista a dichiarare la propria omosessualità. Lo ha fatto pubblicamente in un’intervista pubblicata da un sito belga: “Ci pensavo da due anni. E’ stato un grande passo. I miei genitori mi hanno molto incoraggiato. Avevo particolarmente paura delle reazioni degli altri corridori o dei team più grandi, temevo che mi avrebbero guardato con occhi diversi, ma non credo che andrà male”.

Male non potrà certo andare per chi, nemmeno ventenne, riesce a rompere un tabù con naturalezza e consapevolezza: “Nel mondo dello sport è difficile uscire allo scoperto. Voglio essere un esempio per tutti coloro che sono ancora rintanati nel loro guscio”. Un guscio dal quale pochissimi sono venuti fuori nelle altre discipline e nel quale spesso sono stati ricacciati.

Al coming out alterna anche speranze e giudizi sulla corsa che lo aspetta domenica a Meulebeke, dove per ovvi motivi avrà i fari puntati addosso: “Ho appena ricevuto un messaggio dalla squadra (la Proximus-AlphaMotorhomes-Doltcini). C’è molto fango, questo potrebbe essere un vantaggio per me. Molti pensano che sia un onore pedalare tra questi campioni, ma è molto difficile. I fuoriclasse iniziano in modo molto esplosivo”.

Esplosivo e lucido questo ragazzo di Zwevegem, nelle Fiandre occidentali, che con l’appoggio dei genitori si è tolto un peso e sogna anche di aprire un varco, indicare una strada per gli altri probabili gay del gruppo: “Io non ne conosco – dice Justin – ma penso che ci siano. Spero che il mio esempio possa dare il coraggio anche a chi ancora si nasconde”. Lo scatto è stato imperioso, da fuoriclasse e al momento c’è un uomo solo al comando.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ping pong, l’allenamento del campione Dima Ovtcharov sembra una gif – Video

next