“Se abbiamo dovuto rinviare le elezioni regionali perché non è sicuro tornare alle urne allora deve essere rivalutato anche il ritorno a scuola”. Con queste parole il presidente facente funzione della Regione Calabria, Nino Spirlì, si schiera dalla parte di chi polemizza con il governo e questa volta lo fa attaccando la ministra all’Istruzione: “Azzolina non può pretendere nulla. Venga lei in Calabria, nei singoli territori a organizzare in sicurezza la riapertura visto che è l’unica cosa che sembra interessarle. Per me la priorità è tutelare la salute dei ragazzi, anche quella psicologica, l’istruzione da malati o peggio ancora da morti non sarebbe comunque possibile. Quindi, se mi sarà garantito che neanche un ragazzo andando a scuola o nel tragitto sarà contagiato, riapriremo. Altrimenti, se non ci sarà massima sicurezza, si continuerà con la didattica a distanza: i ragazzi la sanno gestire anche bene”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto, Marche e Friuli rimandano il rientro in aula alle superiori al 31 gennaio. Toscana e Sicilia: “Noi al via il 7”

next
Articolo Successivo

Veneto, Zaia annuncia: “Non è prudente lasciare aperte le scuole superiori, fino al 31 gennaio didattica a distanza”

next