“Gli ultimatum non appartengono al mio bagaglio culturale e politico. Sono fuori dalla logica degli ultimatum per attitudine personale, culturale e politica. Io sono per il dialogo e confronto e trovare una sintesi superiore per il bene del Paese”. Lo ha detto Giuseppe Conte replicando alle critiche e alle pressioni di Italia Viva, nel corso della conferenza di fine anno organizzata a Villa Madama. “Il sottoscritto non va alla ricerca di altre maggioranze in Parlamento e lavora con la maggioranza che ha e crede nella sintesi che può scaturire dal dialogo. Lavoro per svolgere questo compito con disciplina e onore, non sto pensando a fare una lista o fare una campagna elettorale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte: “La delega ai Servizi? Chiedono di liberarmi dai miei poteri ma non posso, ne risponderei comunque. Lo dice la legge”

next
Articolo Successivo

Banda ultra larga, Conte: “Lavoriamo per portare la fibra ottica in tutta l’Italia entro il 2025”

next