Rifiuti di ogni tipo e detriti sparsi sulle scogliere e sulla strada di accesso che, in diversi punti, si presenta sollevata e con l’asfalto divelto. Allagati anche diversi tratti. Così si presenta la zona del vecchio Faro di Fiumicino colpita, come tutta la costa, dalla forte mareggiata e dal vento a 90 chilometri orari. Per fortuna, l’area del porticciolo e delle barche ormeggiate, più riparate all’interno, non hanno subito danni. La nuova ondata di tonnellate di rifiuti, detriti, tronchi, trasportata dalla furia delle onde si è andata a sommare a quella che aveva già invaso la zona con le mareggiate di 20 giorni fa. “Nel 2012 ci fu la mareggiata più violenta che ricordi ma questa è stata assai forte – spiega Donato Gemito, titolare del “Porticciolo – Il punto è che, man mano, che le mareggiate si susseguono, indeboliscono le scogliere di difesa, rifatte qualche anno fa, e che non ormai non tengono più”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino anti Covid, perché non riesco a gioire fino in fondo

next
Articolo Successivo

Se grazie al vaccino tornassimo alla ‘normalità’ significherebbe che non abbiamo imparato nulla

next