Nella corsa all’utilizzo più straordinario possibile del Recovery Fund i partiti di maggioranza e anche quelli di opposizione stanno per inaugurare una competizione virtuosa per portare al tavolo di Giuseppe Conte proposte concrete, con un’anima e una vision finora inespresse dallo striminzito piano del premier. Leu non ritiene – viste anche le percentuali elettorali – di lasciare a Italia Viva il monopolio delle osservazioni. E sta mettendo in campo un documento con ben 122 indicazioni “cogenti, necessarie e insopprimibili” per rendere l’Italia davvero protagonista. R.E.D. è l’acronimo (ma l’intestazione completa è ancora segreta) che illustrerà la proposta. Possiamo già dire che il documento di Renzi, noto come C.I.A.O., sembra al confronto un bignamino.

E Zingaretti? Il Pd non sta certo con le mani in mano e da 61 giorni 61 commissioni paritetiche stanno lavorando per sfornare un documento completo in ogni sua parte, declinato in 244 misure “coerenti e indispensabili” per fare entrare a pieno titolo l’Italia tra i costruttori della famigerata “next generation”. F.U.C.K. è il titolo che vuole enfatizzare l’energia propositiva del riformismo italiano. Anche i Cinquestelle, primo partito in Parlamento, non si sono sottratti alla sfida. La novità più importante che portano alla discussione pubblica è la rottura lessicale, la sfida politica e linguistica annunciata già dal titolo. Si chiamerà V.A.F.F.A. il documento naturalmente tutto centrato sull’orgoglio italiano. Inutile dire che sono pagine dense e numerose che contemplano anche espressioni tipiche dialettali per rispettare le identità e le autonomie locali. In tutto sono 488 proposte, contrassegnate dall’asterisco “prendere o lasciare”.

Spetterà ora a Conte fare sintesi delle 915 indicazioni (ciascuna dotata di una unità di missione dedicata per rendere efficiente la macchina burocratica) e giungere nel più breve tempo possibile a una proposta che raccolga anche quelle (in tutto solo altre 1830) dell’opposizione che assolutamente deve essere coinvolta in questo disegno strategico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini Covid, De Luca salta la fila: l’idea che il potere conceda l’esercizio dell’abuso

next
Articolo Successivo

Colpa d’Arcuri: il ritornello delle opposizioni (anche) sui vaccini. Ma avere antipatico lui è comprensibile, avere sulle scatole la logica no

next