Nella corsa all’utilizzo più straordinario possibile del Recovery Fund i partiti di maggioranza e anche quelli di opposizione stanno per inaugurare una competizione virtuosa per portare al tavolo di Giuseppe Conte proposte concrete, con un’anima e una vision finora inespresse dallo striminzito piano del premier. Leu non ritiene – viste anche le percentuali elettorali – di lasciare a Italia Viva il monopolio delle osservazioni. E sta mettendo in campo un documento con ben 122 indicazioni “cogenti, necessarie e insopprimibili” per rendere l’Italia davvero protagonista. R.E.D. è l’acronimo (ma l’intestazione completa è ancora segreta) che illustrerà la proposta. Possiamo già dire che il documento di Renzi, noto come C.I.A.O., sembra al confronto un bignamino.

E Zingaretti? Il Pd non sta certo con le mani in mano e da 61 giorni 61 commissioni paritetiche stanno lavorando per sfornare un documento completo in ogni sua parte, declinato in 244 misure “coerenti e indispensabili” per fare entrare a pieno titolo l’Italia tra i costruttori della famigerata “next generation”. F.U.C.K. è il titolo che vuole enfatizzare l’energia propositiva del riformismo italiano. Anche i Cinquestelle, primo partito in Parlamento, non si sono sottratti alla sfida. La novità più importante che portano alla discussione pubblica è la rottura lessicale, la sfida politica e linguistica annunciata già dal titolo. Si chiamerà V.A.F.F.A. il documento naturalmente tutto centrato sull’orgoglio italiano. Inutile dire che sono pagine dense e numerose che contemplano anche espressioni tipiche dialettali per rispettare le identità e le autonomie locali. In tutto sono 488 proposte, contrassegnate dall’asterisco “prendere o lasciare”.

Spetterà ora a Conte fare sintesi delle 915 indicazioni (ciascuna dotata di una unità di missione dedicata per rendere efficiente la macchina burocratica) e giungere nel più breve tempo possibile a una proposta che raccolga anche quelle (in tutto solo altre 1830) dell’opposizione che assolutamente deve essere coinvolta in questo disegno strategico.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini Covid, De Luca salta la fila: l’idea che il potere conceda l’esercizio dell’abuso

next
Articolo Successivo

Colpa d’Arcuri: il ritornello delle opposizioni (anche) sui vaccini. Ma avere antipatico lui è comprensibile, avere sulle scatole la logica no

next