“Prof andiamo a camminare? Ho bisogno di parlarle”. Josita Bassani, professoressa di lettere e storia all’istituto “Torriani” di Cremona non se lo sarebbe mai aspettata di trovarsi a passeggiare lungo le rive del fiume Po per ascoltare i suoi ragazzi. Da un paio di mesi i suoi pomeriggi li trascorre così: macinando chilometri e chilometri tra la nebbia accanto ai suoi studenti.

Tutto è cominciato dalle richieste dei suoi allievi, una classe terza composta da 28 alunni 16enni. “Quando ci si incontrava in aula – racconta l’insegnante – era normale che qualcuno a fine lezione mi chiedesse di parlarmi per confidarmi qualche problema; ora con la didattica a distanza questa interazione è venuta meno. Così di fronte alla loro necessità di parlare con qualcuno ho fatto una proposta: venite con me a camminare”.

La professoressa Josita, mamma di due figlie di 20 e 15 anni, conosce bene il mondo dell’adolescenza e sa meglio di ogni altro che questi giovani hanno bisogno di qualcuno che presti loro attenzione e cura.

Ogni giorno l’appuntamento è davanti alla scuola. Da lì si parte: “Normalmente questi ragazzi si lamentano se fanno un paio di chilometri a piedi; ora sono loro a chiedermi di non fermarci. È un incontro informale che ci permette di conoscerci meglio, di entrare in profondità. I peripatetici avevano capito tutto: se si cammina nella natura, la bellezza ti rimane dentro. Superata la fatica, arriva la profondità. Spesso mi accorgo che questi ragazzi non sono abituati a fermarsi, ad osservare, ad apprezzare”.

La docente del “Torriani” naturalmente rispetta le regole: distanziamento e mascherina. Ad approvare queste inusuali lezioni è anche la dirigente Roberta Mozzi: “La mia preside è sconvolta ma è contenta e mi incoraggia”, spiega Josita.

I problemi che arrivano alle orecchie della professoressa sono tanti: dalla fatica ad addormentarsi alla mancanza di relazioni. Non solo. Spesso questi ragazzi sono costretti a restare in casa e a convivere con problemi famigliari che accrescono le loro difficoltà.

L’insegnante di lettere si trasforma così in una sorta di psicologo, in un “confessore”, in qualcuno di cui fidarsi: “Spesso non ho risposte per loro. Mi limito ad ascoltare ed è già prezioso. Non sempre ho le parole adatte di fronte a certi pensieri”.

La professoressa del “Torriani” suona il campanello d’allarme: “Gli adolescenti stanno male. Tantissimo. Ci sono studenti che chiedono di essere riconosciuti come Bes (ndr. ovvero con bisogni educativi speciali) per poter venire a scuola in presenza. Non riescono più a stare in casa. Credimi: qualcuno di loro ha persino pensieri suicidi”.

Josita guarda avanti, pensa a gennaio: “Mi spaventa riprendere in presenza ma so che è uno sforzo doveroso da parte della scuola. Guarda, a questo punto non mi interessa che conoscano Dante Alighieri ma che possano tornare a stare bene psicologicamente”.

Intanto in questi giorni la prof ha deciso, nonostante la didattica a distanza, di vedere i suoi ragazzi: “Abbiamo fatto un laboratorio di scrittura creativa. Perché i laboratori devono essere solo di meccanica? Ci siamo incontrati nel rispetto delle regole ma almeno ci siamo guardati negli occhi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Noi, tre medici americani in pensione, vogliamo trasferirci in un borgo in Calabria e curare gratis gli anziani”

next
Articolo Successivo

Conoscevo uno di quei numeri. Per questo so cosa significa vaccinarsi

next