Sono rientrati a Roma, con un volo Alitalia, atterrato poco dopo le 15 all’aeroporto di Fiumicino da Londra Heathrow, i primi 160 italiani, oltre ad un neonato, che risultavano residenti in Italia o in condizioni di urgenza o criticità, così come previsto dall’ordinanza firmata dai ministri Luigi Di Maio, Roberto Speranza e Paola De Micheli. I viaggiatori hanno potuto lasciare la Gran Bretagna, previo tampone prima della partenza, dopo il blocco dei voli deciso dalla maggioranza dei paesi europei per limitare il contagio con la nuova variante del Covid trovata in Inghilterra. Obbligatorio ora per tutti un nuovo tampone, che è stato eseguito presso le strutture di testing rapido, già operative al Leonardo da Vinci e l’osservanza di un periodo di 14 giorni di quarantena.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Natale ‘sospeso’ in ospedale e sulle ambulanze: ‘Stanchi ma sempre accanto ai pazienti isolati dal Covid. Un appello? Siate responsabili’

next
Articolo Successivo

Natale, Papa Francesco: “Ogni scartato è figlio di Dio. Non piangiamoci addosso, aiutiamo chi soffre”

next