Oltre 100.000 contagi da Covid 19 sul lavoro e 366 morti. Ma il numero potrebbe aumentare ancora visto che la seconda ondata dell’epidemia appare più violenta della prima: stando all’ultimo bollettino Inail tra ottobre e novembre ci sono state 49.000 denunce rispetto alle circa 46.500 registrate nel bimestre marzo-aprile. E il divario “è destinato ad aumentare nella prossima rilevazione – precisa l’Istituto – per effetto del consolidamento particolarmente influente sull’ultimo mese della serie”.

In tutto tra febbraio e novembre sono arrivate 104.328 denunce di infortunio sul lavoro a seguito di Covid-19, un dato che è pari al 20,9% delle denunce complessive e al 13% dei contagiati totali nazionali. Il dato più alto è a marzo (il 27% di tutte le denunce), quando però con il lockdown si fermarono le attività non essenziali, seguito da novembre (26,6%) e ottobre (20,3%).

Quasi sette contagiati su 10 sul lavoro sono donne (il 69,4% ) mentre l’età media dall’inizio dell’epidemia è di 46 anni per entrambi i sessi. Il rapporto tra uomini e donne si capovolge se si vanno a guardare i casi mortali. Sulle 366 denunce complessive di morti sul lavoro per Covid (34 in più rispetto alla rilevazione di fine ottobre) l’84,2% riguarda gli uomini e solo il 15,8% le donne. L’età media dei deceduti è 59 anni (57 per le donne, 59 per gli uomini). Il dato non tiene conto dei medici di famiglia, dei pediatri di libera scelta, dei farmacisti e in generale delle categorie che non sono assicurate all’Inail. I cittadini italiani sono l’85,6% dei contagiati.

Le denunce di contagio ricadono soprattutto nel Nord del Paese con il 71,3%: il 50,3% delle denunce arriva dal Nord-Ovest (il 30,5% dalla Lombardia), il 21% dal Nord-Est, il 13,7% dal Centro, l’11,1% dal Sud e il 3,9% dalle Isole. Le province con il maggior numero di contagi sono Milano (11,9%), Torino (7,6%), Roma (4,2%) e Napoli (3,9%). I due terzi dei morti sul lavoro è al Nord (il 39,3% in Lombardia).

Le attività nelle quali si è avuto il numero maggiore di contagi sono quelle della sanità e assistenza sociale – che comprende ospedali, case di cura e di riposo, istituti, cliniche e policlinici universitari, residenze per anziani e disabili – con il 68,7% delle denunce e il 23,7% dei casi mortali. Nell’amministrazione pubblica ricadono il 9,2% delle infezioni denunciate e il 10,3% dei decessi. Per la sanità e l’amministrazione pubblica i contagi hanno avuto un’incidenza significativa soprattutto tra marzo e maggio e tra settembre e novembre mentre gli altri settori come la ristorazione e i trasporti hanno visto aumentare l’incidenza dei casi nel periodo in cui sono state riaperte tutte le attività e il virus ha circolato meno come il trimestre giugno-agosto.

L’incidenza delle denunce per la sanità e l’amministrazione pubblica è passata dall’80,5% dei casi codificati nel primo periodo al 49,2% del trimestre giugno-agosto, per poi risalire al 76,3% nel trimestre settembre-novembre. La categoria professionale più colpita continua a essere quella dei tecnici della salute, con il 38,6% delle infezioni denunciate, circa l’82% delle quali relative a infermieri, e il 9,3% dei casi mortali, seguita dagli operatori socio-sanitari (18,6%), dai medici (9,5%), dagli operatori socio-assistenziali (7,6%) e dal personale non qualificato nei servizi sanitari, come ausiliari, portantini e barellieri (4,7%).

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili