Sono 15.104 i nuovi contagi da coronavirus accertati nelle ultime 24 ore, a fronte di 137mila tamponi analizzati (40mila in meno di ieri). Come sempre avviene nei weekend, si tratta di numeri più bassi rispetto a quelli dei giorni precedenti perché si fanno meno test. Il tasso di positività, infatti, anziché diminuire passa dal 9,2 all’11%. 352 i decessi. Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, i posti letto occupati da malati Covid continuano a diminuire: sono 206 in meno le persone ricoverate in area medica e 41 quelle in terapia intensiva, al netto degli ingressi e delle uscite. Attualmente sono quindi 25.158 i pazienti ricoverati nei reparti e 2.743 quelli in rianimazione.

Ora che la settimana si è conclusa, è possibile fare un confronto con i dati delle settimane precedenti per capire meglio l’andamento della curva pandemica. Da lunedì a oggi sono stati accertati complessivamente 112.086 contagi, pochi di meno rispetto ai 114.885 di 7 giorni fa. È la dimostrazione che la curva sta scendendo meno del previsto, fino praticamente a fermarsi, come ha spiegato l’infettivologo di Milano Massimo Galli al Fatto.it. Due settimane fa, invece, i casi avevano raggiunto quota 143.699. Ancora più alti a fine novembre, quando ammontavano a 176.341. Un lieve segnale di miglioramento arriva invece dalle vittime. Da lunedì a oggi sono morte a causa del Covid 4.279 persone: si tratta di un numero ancora altissimo, ma in lieve calo rispetto ai 4.442 decessi della settimana scorsa. Due settimane fa, invece, erano sopra quota 5mila (5.174)

Tra le Regioni non si ferma la corsa del virus in Veneto, dove sono stati registrati altri 3.869 casi nonostante i tamponi si siano quasi dimezzati rispetto a ieri. 1.795 i positivi accertati in Lombardia e 1.751 in Emilia Romagna. L’altra Regione sopra quota mille è il Lazio (+1.213), mentre Piemonte, Campania, Sicilia e Puglia sono alle prese con circa 800 casi quotidiani. Seguono il Friuli (+658), la Toscana (+483) e a ruota Marche, Abruzzo, Sardegna, Calabria e provincia di Bolzano, tutte sui 200-300 contagi. In Umbria, invece, sono stati accertati altri 113 casi, che scendono a 108 in provincia di Trento. Le uniche Regioni sotto quota 100 sono sempre Basilicata (+73), Molise (+62) e Valle D’Aosta (+22).

Dall’inizio della pandemia a oggi sono quasi 2 milioni (1.953.185) le persone risultate positive al Covid-19 nel nostro Paese, di cui 459.218 solo in Lombardia. 68.799 i decessi. I cittadini attualmente positivi sono 622.760 – in aumento rispetto a ieri al netto dei guariti – di cui 594.859 in isolamento domiciliare e 25.158 ricoverati in area medica (4.341 in Lombardia, 3.389 in Piemonte e 2.852 in Emilia Romagna). I malati per cui si è reso necessario il ricovero in terapia intensiva sono invece 2.743, di cui 583 in Lombardia e 339 in Veneto.
Articolo Precedente

Mazara del Vallo, il racconto dei pescatori liberati: “Abbiamo avuto paura, dormivamo per terra e loro sparavano in aria”

next
Articolo Successivo

Veneto, la Regione sulla carenza di personale: “4mila medici e infermieri hanno rinunciato per non andare nei reparti Covid”

next