“Io sono un aperturista, ma rigorosissimo. Io gli assembramenti li disperderei con gli idranti. Se vedo dei ragazzi senza mascherina che stanno insieme, io spruzzerei l’idrante, così gli passa”. E’ la ricetta del giornalista Bruno Vespa, che, nel corso della trasmissione “Dimartedì” (La7), invoca maggiori controlli e dissente dall’ipotesi di lockdown nazionale durante le festività natalizie.

Ironica la risposta del deputato di LeU Pier Luigi Bersani, che raccomanda massima attenzione in questi giorni: “Vespa, certo, in uno Stato perfetto dove uno fa la fila, c’è l’idrante, eccetera. Ma qui basta uno che fa il coglione. Quindi, quando c’è da chiudere, bisogna chiudere“.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caso Open, Davigo a DiMartedì: “Renzi mi fa causa? Rispondo con una citazione: Brr… che paura”

next
Articolo Successivo

Piano pandemico, Sileri: “Fermo al 2006 per la sciatteria dei dirigenti del ministero. Ora serve un’indagine interna”

next