Le pressioni erano forti: una commissione avrebbe dovuto fare luce sulla gestione della pandemia di coronavirus, per spiegare le ragioni di numeri così alti di morti (7.667) e contagi (341mila), per nulla paragonabili a quelli degli altri Paesi scandinavi. Il governo svedese guidato da Stefan Lofven aveva dichiarato l’estate scorsa che la commissione sarebbe stata nominata a crisi sanitaria terminata, ma l’opinione pubblica ha insistito perché si agisse prima. Così oggi è già arrivata la prima relazione preliminare, dalla quale emerge che Stoccolma – unica a non imporre lockdown o misure rigorose – non ha saputo proteggere gli anziani durante la pandemia. A fallire in particolare è stata la gestione delle case di riposo: c’erano “carenze strutturali note da tempo, a causa delle quali il sistema di assistenza si è trovato impreparato e poco equipaggiato di fronte alla pandemia”, ha denunciato la commissione, evidenziando la mancanza di equipaggiamento protettivo per il personale, oltre ai ritardi nei test e nel vietare le visite dall’esterno.

Sotto accusa anche la frammentazione del sistema sanitario e di assistenza agli anziani, diviso fra 21 regioni, 290 municipalità e diversi enti privati. “La responsabilità di queste carenze è del governo in carica e di quelli che l’anno preceduto”, afferma il rapporto, notando che il 90% dei morti da covid era ultra settantenne, la metà dei quali ospite di case di riposo. Poco prima che venisse diffuso il rapporto preliminare, Lofven aveva accusato i funzionari della sanità svedese di avere sottovalutato la seconda ondata della pandemia. “Penso che la maggior parte di loro – ha dichiarato – non sia riuscita a prevedere un’ondata simile. Hanno parlato di diversi cluster“, ha precisato il premier al quotidiano Aftenposten. Istituita a giugno, la commissione d’inchiesta è guidata dal giudice a riposo Mats Melin. Gli altri sette membri sono scienziati politici, esperti di management e di sanità. Le conclusioni definitive arriveranno a febbraio 2022, sette mesi prima delle elezioni.

I numeri – L’agenzia statistica svedese ha fatto sapere lunedì di aver registrato un totale di 8.088 decessi complessivamente a novembre, la più alta mortalità mai registrata nel paese scandinavo dal primo anno dell’influenza spagnola che imperversò in tutto il mondo dal 1918 al 1920. “Nel novembre 1918 – ha dichiarato Tomas Johansson dell’istituto di statistica – morirono 16.600 persone nel Paese”. In autunno, la Svezia ha visto un rapido aumento di nuovi casi di coronavirus che hanno messo a dura prova il suo sistema sanitario. Le infezioni si sono diffuse rapidamente tra il personale medico, spingendo il governo a sostenere ulteriori restrizioni, incluso il divieto di vendere alcolici dopo le 22 nei bar e ristoranti di tutto il Paese. La Svezia ha anche imposto quelle che sono per le più severe restrizioni legate al coronavirus finora, vietando i raduni di più di otto persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Europa gli esperti chiedono restrizioni in vista del Natale. Merkel: “L’imprudenza di alcuni ha effetti devastanti”

next
Articolo Successivo

“In Spagna i morti per Covid sono 29mila in più”: il riconteggio che cambia la portata della pandemia

next