Trentanove anni fa il governo della Polonia introdusse la legge marziale nel tentativo di schiacciare l’opposizione politica e Solidarność. Oggi, domenica 13 dicembre, migliaia di persone hanno manifestato per le strade di Varsavia per protestare contro la sentenza della Corte Costituzionale che impone in Polonia un divieto quasi totale di aborto e per chiedere le dimissioni del governo conservatore. Molti polacchi accusano il governo di agire sempre più come il regime autoritario del dicembre del 1981. La manifestazione è stata organizzata dal Women’s Strike, il gruppo delle proteste di massa per il diritto all’aborto.

I manifestanti, per lo più donne e giovani, si sono riuniti in un incrocio centrale e hanno iniziato a marciare verso la casa di Jaroslaw Kaczynski, il capo del partito al governo Diritto e Giustizia (Pis). Kaczynski è considerato l’uomo forte dei conservatori al potere e il responsabile della decisione della Corte. In più occasioni la polizia ha tentato di bloccare la marcia per impedire ai manifestanti di dirigersi verso la casa di Kaczynski, diventata obiettivo costante delle proteste. L’edificio dell’appartamento di Kaczynski è stato circondato da centinaia di agenti di polizia in tenuta antisommossa. La polizia ha annunciato agli altoparlanti che la protesta era illegale per l’epidemia di Covid-19, che ha finora ucciso oltre 22 mila persone in Polonia. “Abbiamo un’epidemia di Pis”, hanno risposto i manifestanti. Molti portavano bandiere dell’Unione Europea e simboli arcobaleno.

Il 22 ottobre la Corte Costituzionale ha reso illegale l’interruzione volontaria della gravidanza in caso di grave malformazione del feto, stabilendo che è “incompatibile” con la Costituzione. La sentenza va a inasprire ancora di più la normativa sul diritto all’aborto del Paese. Adesso in Polonia si può abortire solamente nei casi di stupro e incesto o quando la vita della madre è in pericolo.

Alla protesta di domenica pomeriggio si sono uniti anche altri gruppi, come gli imprenditori che hanno protestato per la gestione della pandemia da parte del governo. Durante la notte un gruppo di contadini ha portato avanti una protesta separata, lanciando patate e uova nelle strade. I manifestanti hanno anche lasciato un maiale morto davanti all’abitazione di Kaczynski. Gli agricoltori accusano il governo di essere rimasto inattivo di fronte al calo dei prezzi dei generi alimentari.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ritorno dei piccioni viaggiatori: i giovani del Sahel ne riscoprono il valore

next
Articolo Successivo

Covid, i camion con i vaccini lasciano la Pfizer. Milioni di dosi spedite negli Usa: prima a operatori sanitari e residenze per anziani

next