Il professor Andrea Crisanti lo aveva previsto e lo scenario si è puntualmente verificato. Il Veneto, da regione virtuosa, è diventata maglia nera nella classifica quotidiana dei contagi: “Oggi in Veneto ci sono 5mila casi su 20mila casi di contagio in tutta Italia. Il Veneto è responsabile per un quarto di tutte le trasmissioni in Italia. Penso che questo sia un effetto paradosso della zona gialla”.

Poi il professore spiega: “Uno dei parametri che permettono alle regioni di stare in zona gialla è la capacità di risposta del sistema sanitario, che tra le altre cose si misura con i posti in rianimazione. Questo crea un effetto perverso perché le regioni che hanno più posti in terapia intensiva e in rianimazione permettono al virus di trasmettersi di più perché non attuano le misure restrittive tipiche delle zone arancioni o rosse. E questo è puntualmente accaduto in Veneto”.
Insomma, si abbassa la guardia avendo a disposizione un numero maggiore di posti: “La zona gialla, abbinata alle misure di prevenzione che vengono adottate oggi in Veneto, non funziona. Questo è dovuto sia all’utilizzo dei test rapidi – che hanno sensibilità bassa – e poi perché manca la visione della comprensione del contagio e di come si interrompono le catene di trasmissione sul territorio. Penso che sia stata gestita a livello di apprendisti stregoni questa cosa”.

Interrogato sulla necessità di un passaggio del Veneto in zona arancione o rossa, Crisanti non ha dubbi: “Se la Lombardia con meno casi è diventata zona rossa non capisco come mai il Veneto sia ancora zona gialla”.

di Francesca Nava

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 19.903 nuovi contagi con 196.439 test: un quarto dei casi in Veneto. Morti in 649: Italia Paese con più vittime in Europa

next
Articolo Successivo

Covid, i virologi: “Il vaccino salverà l’inverno del 2021, è efficace e sicuro. Importante mantenere le norme anti contagio”

next