In uno dei giorni che possono cambiare le sorti di un’intera stagione, quello della partita decisiva per il passaggio del turno, ad Amsterdam, tra Ajax e Atalanta, rimane il caos nello spogliatoio della Dea. Da giorni si rincorrono le voci di una rottura definitiva tra Gianpiero Gasperini e due leader dei nerazzurri, ‘Papu’ Gomez e Josip Ilicic. Dissidi che, secondo quanto riporta il Corriere dello Sport citando trascrizioni di audio circolate online, hanno portato anche a un duro scontro tra il capitano e l’allenatore nell’intervallo della partita di una settimana fa con i danesi del Midtjylland, conclusasi con un deludente 1 a 1, e che avrebbero convinto il tecnico a rassegnare le proprie dimissioni, poi respinte dal presidente Percassi.

Tutto ha avuto inizio una settimana fa. Al termine dei primi 45 minuti di gara contro il Midtjylland, con la Dea sotto di un gol in casa contro l’ultima del girone a zero punti, giocatori e allenatore sono rientrati negli spogliatoi ed è avvenuto un duro scontro tra l’allenatore e il numero 10 nerazzurro per delle disposizioni che quest’ultimo non ha gradito o che non ha ritenuto corrette. I due sono arrivati al faccia a faccia, con Ilicic che si sarebbe schierato dalla parte del Papu. Così si spiegherebbe l’esclusione dalla lista dei convocati dei due attaccanti per la successiva trasferta di Udine, poi rimandata a causa del maltempo.

Dopo lo scontro all’interno dello spogliatoio, però, i contrasti non si sono appianati, nemmeno in vista del match di Amsterdam. In conferenza stampa, a precisa domanda, il tecnico ha cambiato discorso evitando di rispondere, ma secondo alcune indiscrezioni pubblicate dal Corriere dello Sport la situazione è talmente incandescente che dopo il match di Champions Gasperini ha addirittura presentato le proprie dimissioni alla società che, però, le ha respinte. La permanenza del Gasp sulla panchina della Dea, a questo punto, è tutt’altro che scontata e a gennaio, con la riapertura del mercato, esiste il rischio che i vertici si trovino a dover decidere tra la permanenza del tecnico o quella di una delle sue stelle. Tanto che i bookmakers puntano decisi sull’addio precoce di Gasperini, con Stanleybet che dà le dimissioni o l’esonero del tecnico appena all’1,20, contro il 3,50 della permanenza a Bergamo. In pole per sostituirlo ci sarebbero Maurizio Sarri, che non ha ancora trovato una nuova sistemazione dopo le esperienze alla Juventus e al Chelsea, e Massimo Brambilla, allenatore della primavera atalantina, entrambi dati a 3,50.

Sulla questione hanno deciso di intervenire anche i tifosi bergamaschi, invitando tutto il gruppo squadra all’unità in vista di una partita così delicata. Sul cancello d’ingresso del Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia è apparso uno striscione con una foto che raffigura un abbraccio tra Gasperini e Gomez in cui si legge “insieme abbiamo fatto la storia. Uniti conquisteremo la gloria”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kitikaka – Il gioca jouer di Giorgio Micheletti, che da 30 anni fa il bello e il cattivo tempo della telecronaca in diretta da studio

next
Articolo Successivo

Domeniche Bestiali – Frosinone culone leaks, il terzo incomodo: “Slogan diventato virale grazie a me, non è merito di Marcozzi”

next