Al via un nuovo progetto a sostegno delle famiglie che hanno figli con grave disabilità. Sul tema già molto complesso dell’assistenza individuale e dei servizi multidisciplinari dedicati alla persona disabile, aggravato con la pandemia di Coronavirus, la Fondazione Mantovani Castorina diretta da Angelo Mantovani ha presentato il 3 dicembre in occasione della Giornata mondiale delle persone con disabilità il Centro Famiglie+. Il centro si trova a Milano ed è dedicato proprio alle famiglie che affrontano la sfida della disabilità in tutte le sue sfumature. I servizi erogati sono gratuiti grazie al contributo di Fondazione di Comunità Milano e in sinergia con lo Sportello Psicologico dell’associazione iSemprevivi. Vengono forniti, sia in presenza che online, diversi aiuti come il supporto psicologico individuale, di coppia o familiare, l’orientamento su adattamenti e modifiche ad ausili fondamentali per la qualità di vita, oltre a consulenze sui temi giuridici, fiscali e assicurativi e formazione sui diritti, opportunità e servizi socio-sanitari.

“Crediamo che un servizio di supporto psicologico e di ascolto, in questo momento di ulteriore difficoltà legato alla diffusione del Covid-19, sia necessario per stare ancora più vicino alle famiglie che si trovano ora più di prima a dover fronteggiare una situazione delicata, nella quale l’equilibrio familiare grava ancor di più sulle loro spalle”, dicono i fondatori del Centro Famiglie+. Il progetto ha l’obiettivo di diventare un presidio di aiuto pratico quotidiano per evitare che aumenti l’isolamento e la solitudine di soggetti in condizioni molto fragili. “C’è bisogno – aggiungono i promotori – di dare continuità nell’assistenza, nella cura e nelle relazioni umane soprattutto a beneficio di donne e uomini con gravi deficit cognitivi, intellettivi, sensoriali e motori”. Si tratta di un valido supporto significativo da tanti punti di vista anche per i genitori delle persone disabili, i fratelli e sorelle ma anche i caregiver che se ne prendono cura. “In questo modo si contribuisce positivamente alla creazione di comunità resilienti e inclusive attraverso una serie di servizi specifici e integrati, per una presa in carico a 360 gradi. Un intervento che viene valorizzato anche dalla grande componente del volontariato” spiega Filippo Petrolati della Fondazione di Comunità Milano.

La Fondazione Mantovani Castorina si è ispirata dall’esperienza virtuosa del progetto DAMA (Disabled Advanced Medical Assistance), servizio dell’ASST Santi Paolo e Carlo recentemente insignito dell’Ambrogino d’Oro 2020. “Occorre creare un dialogo e un rapporto diretto e propositivo tra diversi enti presenti sul territorio per dare risposte idonee ai bisogni che emergono di continuo. L’idea di creare il Centro Famiglie+ – dice il direttore Mantovani – è nata dall’incontro con le famiglie di persone fragili che chiedevano giustamente una serie di servizi più ampi e integrati, accessibili per tutti. Con questo progetto offriamo nuove opportunità e un welfare di qualità con la persona davvero al centro”. Il Centro Famiglie+ è aperto nel rispetto delle normative vigenti anti-Covid ogni giovedì dalle 9 alle 18 presso S. Pietro in Sala in piazza Wagner 2, a Milano. Per prenotazioni e informazioni è possibile scrivere un’email a info@fmc-onlus.org o telefonare al numero 349-0737787.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La decisione dell’Onu sulla cannabis è una svolta. Ora sta alla classe politica agire

next
Articolo Successivo

Giornata mondiale del volontariato, la storia di Mirko: “Dal terremoto al Covid, siamo una risorsa troppo spesso sottovalutata”

next