Scritte anonime sul muro della scuola e di un condominio contro il comandante della locale stazione dei carabinieri, a Bellano (Lecco). Sui muri si legge: “Giù le mani dalle mogli degli altri. Codardo, togliti cintura e pistola e difenditi dai mariti“. Il nome del destinatario del messaggio è scritto sul muro e in paese lo conoscono tutti. Si tratta del maresciallo, 56 anni, sposato e padre di tre figli. È in servizio a Bellano dal 2004. La storia, riferiscono i paesani, è chiacchierata già da tempo. Lui si è difeso: “Sono solo calunnie per farmi andare via”. E infatti ora il maresciallo rischia l’allontanamento dal paese per “incompatibilità ambientale”.

Nel paese sul lago di Como, il sindaco Antonio Rusconi ha ordinato la rimozione delle scritte ingiuriose dalla scuola e dovrà essere effettuato un ulteriore intervento per ripitturare il muretto. Anche la scritta apparsa sul muro della palazzina è stata cancellata. I proprietari del condominio imbrattato hanno sporto denuncia contro ignoti per vandalismo. Nel frattempo, il caso è stato portato all’attenzione dei superiori del comandante. Dal comando provinciale di Lecco, i carabinieri fanno sapere che tutta la scala gerarchica è stata avvisata e ci sono indagini in corso sull’accaduto.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Dimenticate Natale e Capodanno come li abbiamo vissuti finora”: le parole della virologa Gismondo

next
Articolo Successivo

Arcuri: “In campo unità mobili per fare il vaccino a domicilio”

next