“È tornato a casa ubriaco ed ha iniziato a inferire prima sulla compagna. Il piccolo sarebbe intervenuto nella discussione in difesa della mamma. Per sfuggire al patrigno, si è prima rifugiato in cameretta, poi inseguito dall’uomo è corso in cucina. Lì ha preso un coltello e, dopo essere stato raggiunto dal 38enne, lo ha colpito all’addome”. Venerdì sera Mario Renzulli, ucciso nel casolare di campagna doveva viveva vicino a Manfredonia, nel Foggiano, è stato colpito dal figlio di 7 anni della sua compagna: è quanto ha sostenuto la donna davanti ai carabinieri che indagano, stando a quanto riferisce Angelo Salvemini, il legale della famiglia del bambino coinvolto nell’omicidio del 38enne.

Le ferite riportate da Renzulli sono state troppo gravi per sopravvivere nonostante abbia avuto la forza di chiamare i soccorsi e sia arrivato vivo in ospedale. Dopo i primi accertamenti, la procura di Foggia guidata da Ludovico Vaccaro ha subito coinvolto la procura minorile di Bari. “Si tratta di un caso molto delicato”, aveva spiegato in mattinata il procuratore di Foggia. La vittima, volto già noto alle forze dell’ordine, dopo essere stata ferita ha chiamato il padre che lo ha accompagnato all’ospedale di Foggia dove è deceduta poco dopo a causa delle profonde ferite.

I carabinieri hanno ascoltato il padre del 38enne e altri congiunti per cercare di capire cosa sia accaduto all’interno del podere. Tra cui anche la compagna che, stando a quanto riferito dal suo legale, aveva ricostruito quanto accaduto venerdì sera nelle campagne di Macchia Rotondo, vicino a Manfredonia, spiegando che nell’omicidio è coinvolto suo figlio di 7 anni, che data la sua età non è imputabile.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Falsi profili social per adescare minorenni, arrestata una coppia

next
Articolo Successivo

Milano, incidente sulla tangenziale Ovest: muoiono madre, padre e figlia. Gravissimi il fratello 16enne e la sorella di 10 anni

next