Ogni volta che gli esperti analizzano l’impatto del Covid-19 sul mercato immobiliare emergono nuovi particolari e si prospettano differenti scenari. Uno degli ultimi spunti di riflessione arriva direttamente dall’Agenzia delle Entrate ed è stato ripreso all’interno del blog di Immobiliare.it: la pandemia impedirà agli italiani di usufruire delle detrazioni sul mutuo per la prima casa? Non è detto, perché sono state concesse delle proroghe sulle tempistiche necessarie per ottenerle.

I lavori si protraggono oltre il limite stabilito

Il caso che ha portato L’Agenzia delle Entrate a esaminare la questione è quello di una contribuente che ha richiesto un mutuo ipotecario per l’acquisto di un’unità immobiliare adiacente alla sua prima abitazione, allo scopo di accorparle e ampliare la casa dove vivere. La normativa imporrebbe che, per avere diritto alla detrazione sugli interessi passivi del mutuo, i lavori e i conseguenti aggiornamenti catastali vengano effettuati entro un anno dall’acquisto. In questo caso specifico la data sarebbe stata luglio 2020: ma come riuscirci con il blocco delle attività imposto dal Covid-19?

Il Decreto Liquidità e l’imposta di registro

L’articolo 24 del Decreto Liquidità ha sospeso, per il periodo fra il 23 febbraio 2020 e il 31 dicembre 2020, i termini per effettuare gli adempimenti necessari al mantenimento dei benefici prima casa proprio tenendo conto delle difficoltà “logistiche” che si sono avute quest’anno. Citando questo articolo, la contribuente di cui parlavamo prima ha richiesto a sua volta di beneficiare della proroga prevista per il Registro.

Il Covid-19 è causa di forza maggiore

L’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto che, per causa di forza maggiore, la deroga alla tempistica ordinaria potrà essere concessa. La contribuente infatti non ha responsabilità per lo slittamento dei lavori, perciò avrà diritto alla detrazione per gli interessi sul mutuo stipulato, a condizione che il nuovo immobile venga adibito a dimora abituale entro un anno dal rogito: a tale scadenza va poi aggiunto il periodo di sospensione sopra indicato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calano i prezzi degli immobili in Italia

next
Articolo Successivo

Così vivremo nel prossimo futuro

next