Molte cose sono state dette, in questi anni, in occasione della Giornata Mondiale contro l’Aids. E molte cose, oggi, ne saranno dette. Tutte giuste, tutte corrette. Possibilmente al di fuori della retorica che come sempre rischia di essere la cifra narrativa di ricorrenze come questa. E a me la retorica non piace.

Meglio lasciar parlare chi certe storie le vive. Ed è ciò che ha fatto il giovane attivista del comitato territoriale padovano Arcigay Tralaltro Mirco Costacurta, curando regia e sceneggiatura del cortometraggio Non riVeLabili, basato su un progetto di ricerca condotto dallo stesso Costacurta, dottorando in Scienze Sociali all’università di Padova.

Il filmato – realizzato anche con la collaborazione Commissioni per le Pari Opportunità delle città di Rovigo e di Feltre – è stato co-diretto e montato dal regista Diego De Francesco. Voce narrante e protagonista delle quattro storie è invece l’attore Gianluca Paradiso.

In un crescendo di tensione, che ci accompagna dalla paura e dalla disperazione fino alla resilienza e alla gioia di vivere, Non riVeLabili è narrazione profondamente permeata da attivismo politico e dalla voglia di riscatto da parte delle persone con Hiv. Troppo a lungo narrate come “malate”, assegnate alla categoria degli “untori” e percepite come marginali rispetto a una società “sana”.

Per questo motivo, come ricorda Mattia Galdiolo, il presidente del circolo Tralaltro, “è necessario partire da una corretta e ampia informazione, scevra da paure e pregiudizi e che sappia andare oltre gli inutili moralismi che spesso accompagnano le informazioni sulle malattie a trasmissione sessuale“.

Il cortometraggio di Costacurta e De Francesco va in questa direzione. Raccontare con la diretta voce di chi vive una condizione il cui finale non è come ce lo hanno raccontato. C’è ancora vita là fuori, insomma. E ce ne è tantissima per le persone con Hiv. E come tutte le vite, può essere difficile a seconda dei momenti. Ma sempre degna di rispetto e, come in questo caso, di essere raccontata. Buona visione.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La legge sul divorzio compie cinquant’anni. Ma a livello sostanziale il diritto ancora non c’è

next
Articolo Successivo

Nasdaq e parità di genere, ora si fa sul serio. Fuori dal listino le aziende che non hanno almeno una donna nel consiglio di amministrazione

next