Saranno 25mila i visoni che verranno abbattuti nell’allevamento di Capralba (Cremona), il più grande d’Italia, dopo che il 29 ottobre sono stati riscontrati tre casi di positività degli animali al coronavirus. La decisione del ministero della Salute arriva dopo che in tutta Europa è scattato l’allarme sul rischio contagio negli allevamenti. Il timore è che, come già avvenuto in Danimarca, il virus possa mutare ancora e rendere inefficaci i vaccini attualmente in sviluppo. Per questo il 23 novembre il ministro Roberto Speranza ha firmato un’ordinanza che prevede la sospensione delle attività negli allevamenti fino a febbraio 2021 e l’abbattimento degli esemplari nel caso in cui si riscontri anche solo un caso positivo.

In un focolaio in Danimarca il Sars-Cov2 passato dall’uomo ai visoni ha subito una mutazione che, a sua volta, è tornata all’uomo. Non c’è ancora alcuna prova che il virus mutante causi sintomi più gravi di Covid-19 o che possa rendere inutili i vaccini, ma le autorità hanno intenzione di non correre alcun rischio per non compromettere la lotta alla pandemia. È per questo che il governo danese ha ordinato l’uccisione di tutti i visoni d’allevamento nel Paese, per un totale di circa 11 milioni di animali infetti su 17 milioni totali.

Nell’allevamento di Capralba, in Lombardia, l’abbattimento sarà effettuato da una ditta esterna che si occuperà anche dell’incenerimento dei corpi dei visoni. In Danimarca, il governo aveva deciso di seppellirli in fretta e a poca profondità nella penisola dello Jutland. Ma ora le carcasse stanno riaffiorando dalle fosse comuni, spinte in alto dai gas di fosforo e azoto sviluppati nel processo di decomposizione, causando una “bomba ambientale” di inquinamento.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tirrenia minaccia lo stop di 5 linee: a rischio 500 lavoratori. L’allarme dei cittadini sardi: “Senza collegamenti l’Ogliastra non ha futuro”

next
Articolo Successivo

Crisanti a SkyTg24: “Parlare di sci con 600 morti al giorno non è da Paese normale”

next