“Eravamo tutti molto preoccupati,vedevamo la prospettiva di un impegno diretto del nostro presidente, del nostro editore in politica come una catastrofe“. Giorgio Gori, primo ospite della nuova stagione de ‘La Confessione’ di Peter Gomez, in onda su Nove venerdì 27 novembre alle 22.45, commenta così i giorni della discesa in campo di Silvio Berlusconi quando lui era un alto dirigente Mediaset. “Si era creato un vuoto politico – continua il sindaco di Bergamo – e Berlusconi temeva la vittoria della sinistra, quindi dei comunisti, e immaginava una possibile crisi per le sue aziende“. Nell’estate del 1993, ammette Gori, all’epoca dei fatti direttore di Canale 5, l’ex presidente del consiglio aveva cercato alternative politiche a se stesso, senza trovarne: “Dopo l’estate, ha preso la decisione”, conclude l’ex presidente di Magnolia.

‘La Confessione’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorgio Gori ed Emilio Fede ospiti di Peter Gomez a La Confessione di venerdì 27 novembre alle 22.45 su Nove

next
Articolo Successivo

Emilio Fede a La Confessione (Nove) di Gomez: “Il mio passato? Birichinate. Ora vorrei insegnare ai ragazzi la differenza tra bene e male”

next