Condanna confermata per Severino Antinori, il ginecologo imputato per la rapina di ovuli a una infermiera spagnola, avvenuta alla clinica Matris di Milano nell’aprile 2016. il medico, discusso ‘pioniere’ della fecondazione assistita, dovrà scontare 6 anni e 6 mesi. In appello era stato condannato a 7 anni e 10 mesi, ovvero 8 mesi in più rispetto al primo grado. Nell’aprile 2016 furono prelevati i gameti a una giovane infermiera spagnola che aveva denunciato di essere stata immobilizzata, sedata e poi costretta a subire l’intervento. Per quel contestato prelievo forzato di otto ovuli il medico era finito prima in carcere e poi ai domiciliari.

La segretaria Bruna Balduzzi, che poi ha patteggiato la pena, aveva ammesso le sue responsabilità spiegando di non essere mai stata capace di opporsi “alle richieste” avanzate e, riferendosi ad Antinori, di aver sempre “eseguito gli ordini”. La stessa cosa era avvenuta per l’anestesista. L’anno scorso invece era stato confermato in secondo grado il proscioglimento dall’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commercializzazione di gameti.

Ora il procuratore generale emetterà l’ordine di esecuzione della pena e qualora dovesse disporre la carcerazione, nonostante il medico abbia 75 anni, i difensori del ginecologo, gli avvocati Carlo Taormina, Tommaso Pietrocarlo e Gabriele Maria Vitiello, presenteranno istanza di modifica della misura detentiva dal carcere in arresti domiciliari.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Tortura, lesioni, minacce e abuso di potere su un detenuto”: a giudizio 5 agenti del carcere di San Gimignano

next
Articolo Successivo

Terrorismo, ferì militare alla Stazione centrale di Milano: condannato a 14 anni e 6 mesi

next