“Una sentenza molto forte” ma che fa sì che “io riceva il giusto rispetto”. Così Marco Tuttolomondo, rider di Palermo che per primo è diventato a tutti gli effetti lavoratore subordinato, a tempo indeterminato e con regolare contratto, dell’azienda Glovo, parla della storica sentenza che lo ha riconosciuto come dipendente. Tuttolomondo ha 49 anni, è sposato ed ha figli, ed è iscritto alla Nidil Cgil, categoria dei lavoratori atipici. All’Ansa ha raccontato la sua storia con l’azienda, per la quale ha lavorato dal 2018 con un contratto autonomo, come i suoi colleghi, prima di essere “disconnesso” dalla piattaforma, cioè licenziato, e poi riammesso dopo la sentenza.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tribunale annulla il licenziamento dei facchini saliti sul tetto della Gls di Piacenza, ma l’azienda cambia appalto e non li reintegra

next
Articolo Successivo

Rider, è arrivata una sentenza importante. E stavolta anche i sindacati hanno dei meriti

next