Il vaccino contri il Covid sviluppato in Russia ha mostrato di avere un’efficacia superiore al 95%. Lo comunica il Gamaleya Institute, struttura statale con sede a Mosca, che sta sviluppando lo “Sputnik V” e che sottolinea come il dato sia pari o superiore a quello dei vaccini europei e statunitensi. Al momento il vaccino sviluppato da Pfizer e Biontech ha mostrato un’efficacia del 95%, quello di Moderna del 94% e quello di AstraZeneca – Università di Oxford del 90%. In tutti i casi si tratta di percentuali molto elevate.

Il dato russo arriva dopo test che hanno coinvolto 19mila volontari. Nei 28 giorni dopo la prima dose l’efficacia si è attestata al 91,4% per poi salire al 95% dopo la seconda dose. La Russia sta conducendo la terza fase delle sperimentazioni a cui stanno prendendo parte 40mila volontari con sperimentazioni parallele anche in Venezuela ed India. Sinora, secondo quanto comunicano i ricercatore, non è stato segnalato nessun effetto collaterale significativo. La Russia è stato il primo paese al mondo a registrare un vaccino anti-covid, con l’approvazione dello scorso agosto da parte del presidente Vladimir Putin. “Costerà la meta o meno di farmaci concorrenti ma avrà livelli di efficacia simili», ha affermato Kirill Dmitriev, direttore del Fondo russo per gli investimenti diretti che ha finanziato lo sviluppo del vaccino.

Nelle scorse settimane la comunità scientifica internazionale ha mostrato qualche scetticismo sull’attendibilità dei dati che arrivano da Mosca. Anche perché il numero delle persone che partecipano alle sperimentazioni sarebbe troppo esiguo. Sedici scienziati, tra cui diversi italiani, lo scorso 21 settembre hanno pubblicato un lettera sulla rivista The Lancet per esprimere i dubbi sui risultati comunicati.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michelle Hunziker si racconta: da All Together Now all’impegno a favore delle donne – LA DIRETTA

next
Articolo Successivo

Vaccini Covid, Silvio Garattini: “Il rigore scientifico non venga diminuito da urgenza, pressioni politiche o economiche”

next