“Per il Recovery fund dobbiamo attendere il Consiglio europeo di dicembre che sarà decisivo”, così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervistato a Otto e Mezzo su La7 chiarisce quanto sta accadendo in Unione europea. “In questo momento effettivamente c’è un problema, perché abbiamo superato varie questioni, siamo in dirittura d’arrivo, però è stato sollevato un veto politico da parte di Polonia e Ungheria”. Nonostante ciò, il premier ha escluso che i Paesi frugali possano ancora ostacolare l’accordo: “C’è un impegno politico di tutti i Paesi, preso lo scorso luglio, e non si può rimettere in discussione. Una risposta che è nell’interesse di tutti, non solo dell’Italia che è la maggiore beneficiaria. Perché tutti stanno vivendo una seconda ondata che è distruttiva“. Sui tempi del Recovery plan, Conte ha aggiunto: “Anche sulla base del cronoprogramma, siamo desiderosi di farlo subito, potremo presentare già a febbraio il piano nazionale italiano. Ci sarà un ritardo rispetto ai tempi iniziali, ma non troppo“. Ma siamo in ritardo? “Non abbiamo ancora sottoscritto l’accordo del Recovery fund, c’è il veto. Non è possibile presentare il piano a dicembre. C’è un’interlocuzione settimanale con la Commissione europea e non siamo assolutamente in ritardo. Se va tutto bene, lo potremo presentarlo agli inizi di febbraio”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte a La7: “Spostamenti tra regioni a Natale? Ci stiamo lavorando. Se continuiamo così da dicembre non ci saranno zone rosse”

next
Articolo Successivo

Conte a La7: “Natale? Non ci possiamo permettere un altro Ferragosto. Vogliamo ridurre socialità ma consentire lo scambio di doni”

next