I supermercati Bennet all’interno dei centri commerciali del Milanese riaprono le corsie che sabato 21 novembre avevano “transennato”. Dopo l’articolo del fattoquotidiano.it, che ha riportato la replica del Prefetto di Milano, gli spazi – come confermato dalla stessa catena – sono nuovamente fruibili per i clienti. Una contro-decisione nel giro di 24 ore. Tra i prodotti “vietati” c’erano beni di prima necessità: carta igienica, assorbenti, prodotti para-farmaceutici come il gel igienizzante, shampoo e bagnoschiuma. Una scelta, quella di chiudere, che aveva sollevato un polverone social, da parte di clienti che si sono trovati a non poter acquistare prodotti necessari nella spesa settimanale.

Tutto nasce da un quiproquo. Federdistribuzione chiede un chiarimento al Prefetto di Milano, Renato Saccone, su quali prodotti siano vendibili nel fine settimana nei supermercati all’interno di centri commerciali in zona rossa. Il Prefetto risponde rimandando a quanto stabilito dal Dpcm del 3 novembre 2020, nello specifico all’art. 1 comma 9 lett. ff). Nella nota inviata dalla Prefettura, che abbiamo visionato, si legge: “Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole“.

L’elenco ha “carattere tassativo“, sottolinea la Prefettura. “Ne consegue – continua la nota – che i ‘punti vendita di generi alimentari’ ricompresi nei centri commerciali (ipermercati, supermercati, discount…) nei giorni festivi e prefestivi possono vendere i prodotti afferenti alle attività espressamente indicate nel sopracitato art. 1 comma 9 lett. ff) del Decreto”. Questo vuol dire che i prodotti igienico-sanitari e farmaceutici devono poter essere acquistati.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sicilia, caos all’ospedale di Barcellona: direttrice trasferita a Lipari. Pd: “Punita dopo il servizio del Tg1 sui posti Covid fantasma”

next
Articolo Successivo

Miozzo: “Spostamenti per Natale? Dipende dai prossimi 15 giorni. Sanzionare assembramenti o a gennaio ci sarà la terza ondata”

next