“Ragazzi, buongiorno, oggi su Cross deve essere calato tutto il primo step al 15 novembre, non sento cazzi perché oggi faranno le valutazioni e in funzione dei posti letto di terapia intensiva decideranno in quale fascia la Sicilia risiede”. Così esordisce in un audio Mario La Rocca dirigente generale del dipartimento Pianificazione strategica dell’assessorato regionale alla Salute. I “ragazzi” a cui La Rocca si rivolge con una nota audio in una chat di whatsapp sono i manager delle Asp siciliane: il superburocrate dunque li sollecita a velocizzare il caricamento dei dati dei posti letto Covid e di Terapia Intensiva per non fare imporre alla Sicilia maggiori restrizioni.

L’audio – pubblicata da LaSicilia.it – risale al 4 novembre, giorno in cui il governo nazionale avrebbe comunicato alle regioni in quale fascia di rischio sono state inserite: se rosse, gialle o arancioni. La Sicilia finirà in zona arancione, subendo restrizioni che daranno via alle polemiche. E lo sapeva bene l’assessorato regionale, tanto che il super buorocrate spinge i manager ad affrettarsi a caricare i dati nelle piattaforme Cross e Gecos, la prima del ministero della Salute, la seconda del dipartimento della Protezione civile.

“Non è accettabile che noi si subisca ulteriori restrizioni perché c’è resistenza da parte di qualcuno ad aprire posti letto di terapia intensiva o ordinari – continua La Rocca nell’audio -. Appena stasera ci chiudono ovviamente l’assessore andrà a controllare chi ha calato su Gecos che cosa e quello che non c’è su Gecos e su Cross relativamente al primo step del 15 novembre sarà responsabile di quello che subirà la Sicilia in termini di restrizioni. È una responsabilità che vi prego di non assumervi, quindi la cortesia è fare calare tutto lo step previsto al 15 novembre già da stamattina su Gecos perché stasera si conteranno i morti e i feriti, grazie”.

Un audio in cui il dirigente non invita certo a inserire dati fasulli, ma solo a fare in fretta. Di dati “gonfiati” parla il sindacato dei medici Cimo, che ha stilato una tabella tra i dati inseriti dalla Regione e i posti letto da loro rilevati “sul campo”, e il risultato è una differenza di posti letto di terapia intensiva di 210 in meno rispetto agli 815 dichiarati nelle piattaforme. “Il sindacato dice cose non vere”, replica Francesco Iudica, direttore generale dell’Asp di Enna. E continua: “Ad ottobre la situazione era quella che ho descritto (nessun posto di terapia intensiva covid, ndr) ma poi è cambiata con 23 posti attivati e 16 attivabili”.

L’audio di La Rocca, invece, suscita l’immediata presa di posizione del parlamentare Claudio Fava, presidente della commissione Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, che invoca l’invio degli ispettori del ministero della Salute. “Che vuol dire? Che occorreva caricare sul sistema di tracciamento nazionale anche posti letto che non esistono – chiede Fava -? Che bisognava dare per operativi anche quelli ancora sforniti del personale medico necessario ad una terapia intensiva? Stiamo alterando la realtà per evitare di finire in zona rossa? E tutto questo sulla pelle dei siciliani?”. Da qui la richiesta. “Chiediamo al ministero di inviare i propri ispettori in Sicilia per verificare quale sia la reale fotografia sulla capacità di tenuta del nostro sistema sanitario”. I deputati regionali dei 5 stelle annunciano l’invio di un esposto alla magistratura e chiedono le dimissioni dell’assessore alla Salute: “Razza eviti la mozione di censura e si dimetta prima”. La Rocca, da parte sua, conferma di aver agito secondo le regole: “Ben vengano in Sicilia gli ispettori del ministero. Vengano pure a contare i posti letto, forse ne troveranno anche qualcuno in più. Sono pronto a fornire loro tutte le pezze d’appoggio firmate dai direttori generali che dicono che quei posti esistono”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, tra i medici di base a dominare non è la paura ma la rassegnazione

next
Articolo Successivo

Como, multa di 400 euro a un senzatetto per essersi allontanato dal suo domicilio “senza essere in grado di motivare lo spostamento”

next