La rivoluzione che sta attraversando il mondo della comunicazione e della pubblicità è sotto gli occhi di tutti, l’utilizzo chirurgico di social ed influencer è la regola, non se ne può fare a meno. Sopravvivrà sempre il passaparola, soprattutto per alcuni settori, ma se un’attività, in particolare con la durissima crisi causata dal Covid, non investirà tempo e denaro per curare i contenuti dei propri profili social non andrà molto lontano e, forse, non sopravviverà.

Il caso della ristorazione è poi evidente, tra lockdown e zone rosse i colpi da ko sono continui, come reggere l’urto? Collaboratori e fornitori fidati sono fondamentali, vanno però affiancati da capaci e credibili food blogger ed influencer.

Da manuale il caso dei tre ragazzi bolognesi di Qui si Taffia, pagina Instagram nata come ‘guida fotografica dei migliori ristoranti d’Italia’ tutti puntualmente provati e consigliati. L’attenta selezione dei locali e la cura per l’attività social sono la formula, non tanto segreta, del loro successo. Belle foto, stories divertenti e rapporto coi ristoratori all’insegna della massima professionalità.

Vengono pubblicati solo post di locali che hanno superato la prova, il modello Tripadvisor non è più così convincente, troppo caos. Che la formula di Qui si Taffia sia vincente lo dimostra che il modello di business è maturato e gli sviluppi sono davvero interessanti. I 14.200 followers rimangono costantemente aggiornati sulle novità, per coinvolgerli e nello stesso tempo supportare i ristoratori i gestori del profilo si sono inventati delle challenge molto semplici ma altresì coinvolgenti, come la recente Qui si deliverah. Contest stile Street Fighter (famoso videogioco anni ’90) dove i vari locali venivano messi in competizione fra di loro, una ‘sfida fra amici a colpi di delivery’, tag e hashtag ovunque.

La novità è che a breve dovrebbe nascere un’app ad hoc, l’utente si iscrive, dichiara i propri gusti e verrà subito consigliato come si deve. A garanzia sempre la selezione e la prova fatta dai tre ragazzi. Le challenge saranno ovviamente sempre di più (magari con premi) e ci sarà anche la possibilità per i ristoranti di farsi pubblicità.

Che il rapporto tra Qui si Taffia e la propria community sia solidissimo lo dimostra il successo delle nuova sfida lanciata pochi mesi fa legata al merchandising, una collezione di t-shirt e felpe con ricamate e stampate frasi sugli stereotipi della cucina italiana (Gli spaghetti alla bolognese non esistono, I tortellini sono in brodo, etc…), anche in lingua inglese. Magliette indossate anche da alcuni influencer che hanno fatto a loro volta promozione a QST. L’Italian Food Culture Club per valorizzare la cucina italiana di qualità, ma attenzione anche ad eventuali meritevoli esempi di cucina etnica, nessuna preclusione.

I ristoratori, ma le declinazioni sono molteplici, sanno di avere strumenti efficaci e attendere sarebbe un grave errore. L’importante è trovare partner seri, chiamare un food blogger a caso può rivelarsi un errore, mai scordare che i followers possono essere comprati e farsi sempre dare feedback e resoconti dal proprio ‘consulente’. I cambiamenti sono continui, pensiamo al delivery, ora risorsa, fino a marzo quasi sconosciuto. Tra l’altro anche quest’ultimo strumento da potenziare e valorizzare sempre di più.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Nicola Morra ‘non gradito’ in Rai: per me un caso di censura a cui tutti dovremmo ribellarci

next
Articolo Successivo

‘Essere donna nel 2020’: questo è il vero fenomeno Chiara Ferragni

next