Il procuratore di Tempio Pausania (Sassari) Gregorio Capasso e la sostituta Laura Bassani hanno chiuso le indagini per violenza sessuale in concorso, cominciate oltre un anno fa dopo la denuncia formulata in una caserma dei carabinieri di Milano da una ragazza di 20 anni al rientro dalle vacanze in Sardegna. Il reato viene contestato a Ciro Grillo, il figlio ventenne di Beppe Grillo, e a tre suoi amici: Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria. Secondo quanto riferito da l’Unione Sarda e la Nuova Sardegna, la procura è pronta a chiedere il rinvio a giudizio nei confronti dei quattro.

Il fatto risale al 16 luglio 2019: tornata a Milano, la studentessa denunciò ai carabinieri di essere stata stuprata al termine di una serata iniziata al Billionaire insieme a un’amica e conclusa nella villa di proprietà del comico, al Pevero di Porto Cervo, in Costa Smeralda. La 20enne, assistita dall’avvocata Giulia Bongiorno, accusa i quattro di rapporti sessuali non consenzienti: ai carabinieri ha raccontato che si oppose alla richiesta di un rapporto da parte di un primo ragazzo e venne stuprata. Dopo, gli altri fecero lo stesso. Gli investigatori hanno sequestrato i cellulari ai 4 amici, esaminato chat e video. Ciro Grillo è difeso da Enrico Grillo, Ernesto Monteverde e Mariano Mameli difendono Edoardo Capitta, Romano Raimondo e Gennaro Velle difendono Francesco Corsiglia, Paolo Costa difende Vittorio Lauria. Tramite i loro legali, i 4 giovani hanno sempre respinto le accuse sostenendo che i rapporti sono stati consenzienti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi Lega, Sostegni va ai domiciliari. Il gip: “Proficua collaborazione”. Sequestrata una Porsche al prestanome di Scillieri

next
Articolo Successivo

Piazza San Carlo, chiesta la condanna a un anno e 8 mesi per la sindaca Chiara Appendino

next