“C’è tensione per i ricoveri, cominciamo ad avere 300 persone in terapia intensiva, quello che più ci preoccupa è però l’area non critica dove i ricoverati sono oltre 2.200 e rappresentano la vera pressione ospedaliera perché a questi si raggiungono anche ricoverati non Covid”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, in conferenza stampa. “Nelle terapie intensive la vera differenza con la prima fase è che abbiamo gli incidenti sul lavoro e gli incidenti stradali che entrano” mentre in “lockdown non li avevamo. Confermo la possibilità di attivare le mille terapie intensive perché abbiamo tutto quello che serve, più di 800 sono già allestite”. Zaia si è detto “speranzoso” per l’esito della classificazione del governo, che venerdì deciderà se modificare la colorazione del Veneto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zone rosse, le Regioni insistono: rivedere i criteri. Boccia: “Non si toccano”. Ma garantisce un tavolo per un “rigoroso confronto”

next
Articolo Successivo

Giulia Bongiorno positiva: “Non so dove l’ho preso, ma è colpa di Bonafede”. Il ministro: “Covid resti fuori dalle polemiche politiche”

next