Martina Bonaretti aveva solo 21 anni ed è morta per Covid meno di una settimana dopo il ricovero all’ospedale di Guastalla (Reggio Emilia). Qui era arrivata giovedì 12 novembre in ambulanza e in condizioni considerate molto critiche, poi il ricovero in terapia intensiva e il peggioramento nel giro di pochissimi giorni. Il 10 novembre scorso un’altra ragazza di 21 anni era morta per Covid a Torino: Chiara Cringolo.

Bonaretti era originaria di Luzzara (Reggio Emilia) e avrebbe compiuto 22 anni a gennaio. “Non ho parole di fronte a questa tragedia“, ha scritto la sindaca Elisabetta Sottili su Facebook. “Niente può valere i suoi 21 anni, i suoi occhi grandi e belli, il suo sorriso, la sua promessa di vita. Come tanti di voi, Martina l’ho vista crescere, in paese, in parrocchia: bambina, ragazza e poi giovane donna, e la sua scomparsa ci sconvolge e ci lascia increduli”. Quindi Sottili ha voluto esprimere la sua vicinanza alla famiglia: “Da prima cittadina sento di potervi rappresentare tutti nel trasmettere la nostra vicinanza e il nostro affetto alla sua famiglia, colpita così duramente dalla cosa più innaturale che possa esserci, un dolore inimmaginabile che sa solo chi lo ha provato. Ai parenti e agli amici, a chi la conosceva e le voleva bene. D’accordo con i genitori sarò presente al funerale con la fascia tricolore, e questo sarà il segno visibile del nostro abbraccio, di chi non potrà fisicamente partecipare (purtroppo non ci sarà posto per tutti) e del ricordo che porteremo dentro di noi di Martina”. E, ha chiuso: “Se qualcosa oggi ci può sostenere, pensiamoci proprio in termini di comunità, crediamo di poterci aiutare e prendere a cuore gli uni gli altri, non sottovalutiamo i rischi e stimiamo come importante ogni nostro comportamento”.

Ho lasciato trascorrere la sera e la notte ed atteso il giorno, per un po’ di luce.
Ma non ho parole di fronte alla…

Pubblicato da Elisabetta Sottili su Mercoledì 18 novembre 2020

Anche l’ex sindaco e ora consigliere regionale Andrea Costa ha voluto ricordare Martina Bonaretti: “Si è spenta una straordinaria ragazza, che aveva solamente 21 anni e che è stata aggredita dal Covid. Martina Bonaretti la conoscevo da quando è nata, come conosco tutta la sua splendida famiglia”. Quindi, prosegue Costa, “lo so che da mesi, purtroppo, sentiamo parlare di decessi, e già altre famiglie hanno dovuto piangere i loro cari. Ma questa sera è diverso. Questa sera fa più effetto perché la malattia ha spezzato una vita che stava ancora germogliando. Usiamo meno leggerezza d’ora in avanti nel parlare della malattia, e quella leggerezza invece mettiamola nei rapporti tra le persone che spesso si deteriorano per delle stupidaggini. Usiamo di più il cuore, come sapeva fare Martina – conclude l’ex sindaco luzzarese – come le avevano insegnato a fare nella sua generosa famiglia a cui va il mio abbraccio più forte”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olga e Vincenzo, sposati da 63 anni: muoiono a distanza di un’ora in due stanze diverse dell’ospedale

next
Articolo Successivo

È morto Francesco Ruotolo, storico attivista e consigliere comunale di Napoli. Dal reparto Covid aveva detto: “Qui un girone infernale”

next