A Milano i bambini tra i due e i sei anni non dovranno andare in ambulatorio per il vaccino antinfluenzale. Grazie a una collaborazione tra Atm e Fondazione Buzzi, nel mezzanino della fermata della metropolitana Gerusalemme, lungo la linea Lilla, i piccoli potranno ricevere gratis il vaccino somministrato dagli specializzandi della facoltà di Medicina della Statale di Milano, tramite spray-nasale in un piccolo ambulatorio temporaneo messo a disposizione da Metro cinque. In totale 40 bambini ogni pomeriggio, otto all’ora, secondo i calcoli. L’accesso è su prenotazione. “Per la prima volta, andiamo a vaccinare quest’anno una quantità di bambini veramente importante – ha detto Gian Vincenzo Zuccotti, Direttore Responsabile Pediatria e Pronto Soccorso Pediatrico dell’ospedale Buzzi di Milano -. Solitamente la vaccinazione antinfluenzale era riservata a bambini con patologie croniche, quindi erano molto contenuti. Qui soltanto sulla città di Milano, sull’area metropolitana stiamo parlando di 140mila bambini in questa fascia di età da vaccinare”. Una vaccinazione quanto mai importante, come ha sottolineato il presidente della Fondazione, Stefano Simontacchi all’inaugurazione dell’ambulatorio: “In questo momento ci sono adulti ricoverati in terapia intensiva pediatrica al Buzzi (l’ospedale dei Bambini ndr.). Gli esigui posti per i bambini stanno venendo occupati da adulti, come successo in primavera”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cagliari, balcone crolla addosso a due operai durante i lavori in un condominio: uno muore sul colpo

next
Articolo Successivo

Lazio, il Tar ferma i medici di famiglia: niente cure a casa dei pazienti Covid. “Il loro ruolo non lo prevede”. Ricorso urgente della Regione

next