Il Pentagono già avvisato i comandi delle truppe con un ‘warning order’, che deriva dall’ordine che arriverà direttamente dalla Casa Bianca nei prossimi giorni. Donald Trump, riferisce la Cnn, prevede infatti di ridurre entro il 15 gennaio da 4.500 a 2.500 il numero dei soldati in Afghanistan e da 3mila a 2500 quelli in Iraq. Una mossa che potrebbe spiegare, almeno in parte, la decisione del presidente uscente di silurare la scorsa settimana il segretario alla difesa Mark Esper. Il suo sostituto, Cristopher Miller, ha lanciato in queste ore un messaggio alle forze militari apparso contraddittorio, affermando che la guerra non è finita e che la battaglia contro al-Qaeda e i gruppi terroristici va avanti. Ma scrivendo anche come è arrivato il momento di riportare le truppe a casa, evitando “l’errore strategico del passato”: “Tutte le guerre finiscono e ora è il momento di tornare a casa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, in Uk 21mila contagi. La Francia registra più di 500 morti. Spagna, da venerdì oltre 38mila nuovi positivi

next