L’ultima resa dei conti di Donald Trump è la destituzione del segretario alla Difesa e capo del Pentagono, Mark Esper. L’annuncio del presidente, che si appresta a lasciare la Casa Bianca in favore del neoeletto Joe Biden, è stato dato su Twitter, rimpiazzando l’ormai ex membro dell’amministrazione con Christopher C. Miller, direttore del centro Nazionale antiterrorismo.

“Sono felice di annunciare che Christopher C. Miller, l’altamente rispettato direttore del centro nazionale del Controterrorismo (confermato in Senato all’unanimità) sarà segretario alla Difesa facente funzioni, con effetto immediato. Chris farà un grande lavoro. Mark Esper ha terminato. Voglio ringraziarlo per il suo servizio”, ha scritto il tycoon.

Il licenziamento di Esper arriva dopo circa un anno e mezzo dalla sua entrata in carica, quando andò a sostituire un’altra vittima delle purghe trumpiane all’interno della sua stessa amministrazione, Jim Mattis. Ma anche lui, come il suo predecessore, non è mai entrato in sintonia con il presidente uscente, visto che ha sempre tenuto posizioni vicine a quelle dei Generali che mai hanno digerito l’imprevedibilità e le decisioni impulsive del capo della Casa Bianca in tema di missioni internazionali. Ma soprattutto al tycoon non era piaciuta la posizione prudente del capo del Pentagono, supportato dagli alti gradi militari, di non intervenire con le truppe per reprimere le manifestazioni anti-Trump che si sono man mano diffuse in tutto il Paese, spiegando la scelta con la necessità di non interferire con l’esercito in questioni di Sicurezza Interna. Un rapporto, quello tra Esper e Trump, che si era deteriorato al punto che i media americani davano ormai per certe le sue dimissioni in caso di rielezione del candidato repubblicano.

Tra le altre iniziative che avevano indispettito il presidente, c’era anche la collaborazione di Esper con il Congresso per la rimozione dei nomi di generali confederati dalle basi militari americane. E anche in tema di Covid i due hanno sempre tenuto posizioni opposte, con il segretario della Difesa che si è sempre mostrato in pubblico indossando la mascherina e sottolineando l’importanza delle protezioni individuali per combattere il diffondersi della pandemia nel Paese più colpito al mondo.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, Biden mostra la mascherina in diretta ed esorta a usarla: “Non importa per chi avete votato, serve a salvare vite”

next
Articolo Successivo

Nagorno-Karabakh, la conquista di Shushi da parte dell’Azerbaigian può dare la svolta al conflitto: ora Baku può puntare la capitale

next