Volvo è famosa nel mondo per il suo impegno verso la sicurezza. E il video che vedete ne è ulteriore testimonianza: auto (nuove) in caduta libera da un’altezza di trenta metri, per simulare gli effetti degli impatti più cruenti sulla strada, impossibili da riprodurre con i normali crash test. Parliamo di urti ad altissima velocità, come pure quelli tra auto e camion, sia frontali che laterali: incidenti, non nascondiamocelo, spesso mortali. In questi frangenti, spiegano gli esperti della casa svedese, è essenziale riuscire ad estrarre i feriti dalle lamine contorte e portarli in ospedale entro un’ora dall’incidente. Simulando un sinistro con la caduta da trenta metri, gli ingegneri hanno modo di verificare il rispetto di queste tempistiche nonché testare materiali (sperimentando diversi tipi di leghe) e procedure. Atipico, ma molto efficace

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Diversità e inclusione sono il nostro vessillo’. Così nasce Ford Mach-e: l’auto fatta dalle donne

next
Articolo Successivo

Stellantis, Psa pronta ad acquisire Fca. Altro che matrimonio fra eguali

next