Non la manda a dire il sindaco di Spino d’Adda, in provincia di Cremona, Luigi Poli. In un messaggio video alla cittadinanza il primo cittadino parla dei casi in aumento nel comune che ha raggiunto i quasi 130 contagi, partendo da una situazione di soli due casi. Poli sottolinea l’importanza delle misure adottate, ricordando di non uscire di casa “perché non si sa cosa fare in casa”. Poi lancia un monito a chi fuma: “Quando si esce bisogna indossare la mascherina correttamente. Incontro persone con la sigaretta e la mascherina abbassata, li richiamo e mi rispondono che stanno fumando. Ma chi fuma non ha il diritto di toglierla – ha spigato – Ma non c’è autorizzazione a togliere la mascherina per fumare”. Il consiglio? “Se non può fumare con la mascherina indosso, chi fuma vada a fumare a casa”.
Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Covid, Guerra (Oms): “Virus non scompare con le festività. Serve massima cautela per evitare terza ondata a gennaio”

next
Articolo Successivo

‘Verità per Giulio Regeni’ non è solo uno striscione: spero che il sindaco di Senigallia lo capisca

next