I bambini campani torneranno a scuola il 24 novembre. Alla vigilia del passaggio in zona rossa, la Regione di Vincenzo De Luca ha prorogato la chiusura delle scuole dopo il termine dell’ultima ordinanza (il 14 novembre), stabilendo però l’ormai prossima riapertura in presenza dei servizi per l’infanzia e delle prime classi della scuola primaria che erano stati chiusi a metà ottobre con un’ordinanza già rinnovata per quindici giorni alla scadenza, il 30 ottobre scorso.

Ora le attività riprenderanno dal 24 novembre, “previa effettuazione di screening su base volontaria sul personale docente e non docente e sugli alunni. Per gli ordini e gradi scolastici diversi, l’Unità di crisi regionale all’unanimità ha ritenuto di dover confermare la didattica a distanza”, ha spiegato l’Unità di Crisi della Campania.

Proprio la situazione scolastica della Campania è stata al centro di un colloquio tra la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina e un gruppo di genitori e insegnanti della regione, che l’hanno contattata per timore di una recrudescenza della dispersione scolastica e del disagio sociale nei loro territori.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuole aperte (ma con restrizioni) nei Paesi europei più colpiti dal Covid – Le misure della seconda ondata, dalla Spagna alla Francia

next
Articolo Successivo

Ritardi negli stipendi di docenti e bidelli assunti per l’emergenza Covid: il caso sul tavolo del ministero

next