Non sarà su base regionale la distribuzione del vaccino anti-Covid, ma “il governo ha deciso che ci sia una centralizzazione del meccanismoindividuando le categorie dei primi cittadini per i quali sarà necessario. Lo ha detto il commissario per l’emergenza, Domenico Arcuri. “Gli italiani – ha aggiunto, annunciando che le prime persone saranno vaccinate alla fine di gennaio – verranno vaccinati in funzione della loro fragilità e della loro potenziale esposizione al virus. Le persone che lavorano negli ospedali saranno tra le prime a cui bisogna somministrare i vaccini così come le persone più anziane e che sono più fragili dovranno arrivare prima di quelle più giovani”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La 26enne malata di cancro Martina Luoni: “Il mio problema sono le persone che non mettono la mascherina”: lo spot per Regione Lombardia

next