Si è rifiutato di far indossare al figlio di 10 anni la mascherina prima di entrare a scuola e la preside di una scuola elementare di Belluno è stata costretta a chiamare la polizia. “Mio figlio in classe non la mette la mascherina”, ha dichiarato l’uomo all’ingresso secondo quanto riferito dal Gazzettino. Secondo le nuove norme introdotte con il Dpcm del 3 novembre, tutti gli alunni, a partire dalla prima elementare, devono indossare la mascherina anche in classe, al banco.

“Gli dà fastidio”, ha detto il padre alla dirigente scolastica, che si è rifiutata di far entrare il bambino senza dispositivo di protezione. È servito l’intervento della polizia per riportare la calma. Ma gli agenti non sono riusciti a far cambiare idea all’uomo, che, alla fine, ha riportato il figlio a casa.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo 3 ore e mezza di lezione al giorno da inizio anno, scuola ripartita a singhiozzo in un istituto di Genova: “Siamo senza professori”

next
Articolo Successivo

Covid, come cambiano le mense scolastiche post-lockdown: “Menù semplificati, ma con meno varietà. E si inquina di più”

next