Sono sotto pressione i medici di famiglia in questa seconda e violenta ondata Covid. “Con questi ritmi si rischia di impazzire, non ci fermiamo da sei mesi”, spiega Andrea Mangiagalli, medico di Medicina generale a Pioltello, in provincia di Milano, “di tutte le chiamate ricevute il 70% circa sono di persone con sintomi da Covid“. Il collega Lorenzo Ferrante aggiunge: “Il numero di persone che si ammalavano durante la prima ondata era minore rispetto a ora, noi ce la mettiamo tutta come abbiamo sempre fatto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Sisma 2016, contributi per l’affitto e casette per terremotati percepiti senza averne diritto: 131 denunciati

next