Controlli più efficaci contro gli assembramenti, sull’uso delle mascherine e possibilità di chiudere strade e piazze sono solo alcune delle direttive contenute nella circolare del Viminale inviata ieri ai Prefetti per garantire un intervento tempestivo in caso di violazioni delle direttive, in special modo quelle relative al divieto di ritrovi, dopo gli ultimi aggiornamenti sull’aggravarsi della situazione sanitaria in tutto il Paese. “Nel recente fine settimana, in diverse località del Paese – si legge – si sono registrate situazioni di particolare assembramento, in occasione delle quali è stata anche riscontrata una percentuale non irrilevante di inosservanza dell’obbligo di utilizzo delle mascherine”.

Nel testo uscito dall’ufficio del capo di gabinetto del ministero dell’Interno, Bruno Frattasi, si chiede inoltre di convocare in via d’urgenza i Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica per programmare controlli più serrati e concordare con i sindaci l’utilizzo degli strumenti per il contenimento del fenomeno, in vista dei prossimi weekend. Nello specifico, il documento richiama ”ai fini di una più efficace prevenzione degli assembramenti, la possibilità per i sindaci di far ricorso alla chiusura temporanea di specifiche aree pubbliche o aperte al pubblico in cui sia impossibile assicurare adeguatamente il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro”. Chiusure che possono avvenire “attraverso un contingentamento degli accessi, secondo un principio di proporzionalità” o, appunto, attraverso un provvedimento dei sindaci di “chiusura temporanea di specifiche aree pubbliche o aperte al pubblico in cui sia impossibile assicurare adeguatamente il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro”.

Ai Prefetti si chiede inoltre tempestività nel comunicare al gabinetto del ministero dell’Interno “l’esito delle riunioni e le eventuali criticità in quella sede emerse, informandone contestualmente Dipartimento della Pubblica Sicurezza”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, che maggioranza e opposizione siano unite: di questo i cittadini hanno bisogno

next
Articolo Successivo

Renzi: “I pm che indagano sulla fondazione Open? Preferisco siano in malafede che superficiali”. Anm: “Delegittima magistratura”

next