“L’epidemia la stiamo guardando dallo specchietto retrovisore e non con il binocolo, come invece dovremmo fare”. Lo ha detto il presidente della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta nell’audizione in Commissione Affari sociali alla Camera sul Covid. “Il sistema – ha affermato – è in ritardo per la catena eccessivamente lunga, rispetto al ritmo di crescita della curva, della trasmissione dei dati. I passaggi istituzionali e tecnici probabilmente sono troppi: ci portano a inseguire il virus che è in fase di crescita esponenziale. Serve meno burocrazia e un alleggerimento della scelta degli indicatori, perchè per quanto diano un quadro preciso oggi rallentano la capacita di risposta”.
Gimbe, attraverso Cartabellotta, segnala i ritardi crescenti nella segnalazione da parte delle Regioni, delle notifiche di nuovi casi: “Se le regioni comunicano in maniera parziale la data di inizio sintomi – dice il medico – artificiosamente l’Rt si abbassa“.
Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Burioni: “Ospedali affollati da gente nel panico? E allora i morti?”. Ma il San Raffaele (per cui lavora) si dissocia

next
Articolo Successivo

Un uomo ruba il pane in un supermercato a Milano, il direttore gli paga la spesa e lo lascia andare. “Vieni da me se hai fame”

next