Aveva rubato una pagnotta di pane e poco altro, per fame. Si tratta di un uomo, fermato dalla Security del Carrefour di corso Lodi, a Milano, la mattina di lunedì 9 novembre. Ma il direttore del supermercato ha deciso di non denunciarlo, anzi, di pagare di tasca sua la merce. Prima di farlo andare via, gli ha detto: “Se hai fame la prossima volta vieni da me, non rubare”. A raccontare la storia è stata una cliente che si è trovata alla cassa proprio quando l’uomo è stato fermato.

“Complimenti al Direttore del Carrefour. La Security ha sorpreso un ladro… Aveva rubato del pane e poco altro. Ero io presente – ha scritto sul gruppo Facebook ‘Corvetto, viale Lucania e piazza Bologna‘ – Il Direttore ha pagato la merce di sua tasca e ha lasciato andare il ladro”. Molti i commenti degli utenti sotto il post nel gruppo Facebook. “Mi hai riconciliato con la vita, una piccola cosa ma di un grande valore, una brava persona“, ha scritto una ragazza. “Bravissimo Direttore! Vorremmo leggere tutti i giorni notizie come questa che fanno bene al morale”, scrive un altro cliente.

“Quando si può – racconta una delle cassiere al Corriere della Sera – cerchiamo di fare piccole opere di bene, piccoli regali ai clienti bisognosi”. Il direttore ha fatto sapere di non voler rilasciare commenti sull’episodio: si tratta, ha spiegato, di un semplice gesto di solidarietà che non ha bisogno di essere pubblicizzato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, Cartabellotta: “Peso eccessivo dato a Rt. Se regioni comunicano dati parziali, l’indice si abbassa artificiosamente”

next
Articolo Successivo

“Ricoveri triplicati rispetto a marzo, 99% delle rianimazioni in sovraccarico. E manca il personale”. Viaggio negli ospedali del Piemonte al collasso

next