“Purtroppo oggi abbiamo dovuto dire addio a una nostra concittadina, Antonella Patrone, infermiera del Cardarelli in prima linea nella lotta al Covid. Una preghiera per lei e le più sentite condoglianze alla sua famiglia”. L’ultimo saluto per l’operatrice sanitaria di soli 57 anni è stato affidato al sindaco di Casoria Raffaele Bene che in un post su Facebook ha voluto ricordare il sacrificio di Patrone e di tutti gli uomini e donne che ogni giorno sono in prima linea: “Si tratta dell’ennesima vittima tra il personale sanitario che lotta quotidianamente contro il virus, persone a cui dobbiamo molto e a cui ci affidiamo in questo momento delicato e che richiede sempre più responsabilità da parte di tutti”.

Patrone, secondo quanto riferito da Repubblica, lavorava nell’Alpi, l’attività libero-professionale intramuraria di Napoli. Quando si è sentita male è stata ricoverata prima nella struttura Covid 3 del Cardarelli, dove è rimasta per poche ore, per poi essere trasferita al Covid 1, dove è stata messa in ossigenoterapia con casco. Si è aggravata nel giro di due giorni e, in rianimazione, è morta dopo poche ore. Antonella era tra le tante donne e uomini che svolgono il difficile mestiere dell’infermiere in Italia, e da nove mesi era, insieme ai colleghi, in prima linea contro la pandemia. Secondo alcuni indiscrezioni si era infettata circa una settimana fa.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jonathan, il cassiere tifoso di Livorno morto a 39 anni. Aveva scritto: “Non assalite i negozi, rispettateci”. Da 4 giorni chiedeva il tampone

next
Articolo Successivo

Francesco Samengo, morto per Covid il presidente Unicef Italia. “Per tutti un esempio, sempre in prima linea per i diritti dei bambini”

next