Scatole di carta e non più bauli “venduti per pagare l’affitto”. Si sono presentati così i lavoratori dello spettacolo sotto la sede del ministero dei Beni e delle Attività culturali per protestare contro le misure adottate negli ultimi dpcm e per chiedere le dimissioni del ministro Dario Franceschini. “L’unica soluzione sul piano economico è quella di un reddito di continuità perché la crisi per i lavoratori dello spettacolo sarà molto lunga, avrà un’onda lunga che andrà oltre la fine della pandemia – spiegano gli organizzatori – quindi un reddito per le giornate in cui non abbiamo lavorato. Se si deve chiudere per combattere la pandemia si chiuda tutto ma ci si permetta di vivere. Chiediamo – aggiungono – un tavolo interministeriale”. In piazza dai tecnici agli artisti di strada, dai macchinisti agli addetti alle biglietterie.

Ad aderire al sit-in anche i movimenti. “Noi la crisi non la paghiamo”, hanno intonato i militanti in coro prima di dirigersi a Porta Pia dove si sono uniti adun secondo gruppo di manifestanti. Davanti al ministero dei Trasporti le forze dell’ordine si sono schierate in tenuta antisommossa per bloccare il corteo che ha invece deciso di raggiungere l’ospedale Umberto I. Qui i manifestanti hanno dedicato un lungo applauso ai sanitari in prima linea nella lotta al Covid, prima di sciogliere la mobilitazione pacificamente.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rider in sciopero in tutta Italia: “Basta ricatti, meritiamo garanzie e un compenso adeguato”. A Torino momenti di tensione con la polizia

next
Articolo Successivo

A tre giorni dall’incontro al ministero Just Eat sconfessa il contratto “di comodo”. E annuncia: “Dal 2021 rider assunti come dipendenti”

next