di Paolo Bagnoli

Parlando al Paese dopo l’ennesimo assassinio per mano del terrorismo islamista avvenuto a Nizza, Emmanuel Macron si è appellato ai temi identitari della Francia nel fronteggiare il terrorismo di cui è oggetto. Essi riguardano i valori universalistici della Repubblica, quello spirito repubblicano che identifica i cittadini con lo Stato, al di là della loro posizione politica. La Repubblica, cioè, quale campo ampio di libertà e di convivenza civile per tutti coloro che vi si riconoscano e ne rispettino le regole.

La laicità dello Stato, sancita da una legge del 1905, ne è il principio supremo ed è in nome di quel principio che Macron ha detto al suo popolo: “Vicini ai cattolici. Non cederemo agli islamisti”. Se le vittime fossero stati dei musulmani – ossia dei credenti nell’Islam, mentre con islamisti qui si intende coloro che usano la fede per motivi esclusivamente politici – crediamo che il tono del suo discorso non sarebbe stato diverso.

Il senso della Repubblica pervade tutta la storia e la politica francese; “repubblicani” si definiscono a destra e a sinistra. Quando Charles De Gaulle lasciò il proprio Paese per combattere i nazisti che l’avevano invaso portò in esilio la Repubblica stessa e ciò conferì alla Resistenza francese, in patria e fuori, quel carattere appunto “repubblicano” che la caratterizza. Ciò gli conferì peso politico rispetto agli Alleati che la forza militare a disposizione altrimenti non gli avrebbe potuto, per ragioni oggettive, dare.

Ogni Paese, naturalmente, ha la sua storia; e pure la sua contro-storia poiché non si può certo dire che la Francia, quale potenza coloniale, sia stata “repubblicana”. Se vediamo le vicende del tredici Paesi africani cui concesse l’indipendenza e nei quali è rimasta, o in un modo o in un altro, saldamente insediata, di “repubblicano” troviamo poco. È una contraddizione evidentemente, ma una volta che se ne prende atto ciò non toglie che si riconosca quanto di positivo sul piano storico-valoriale il Paese rappresenta.

Nei momenti di grande difficoltà ci si appella alla Repubblica e ai suoi valori; questo è uno di quelli. Non è solo una questione di bandiera, ma ben altro. Significa che lo Stato agisce nella rappresentanza di tutti i suoi cittadini e che questi sono uniti nel valore dello Stato e dei suoi principi. Significa che lo Stato laico è al di sopra di ogni differenza, che garantisce tutte le diversità e le libertà che non siano, naturalmente, in contrasto con esso e che, nel nome dei valori repubblicani, si realizza un’unità di fondo che dà forza allo Stato e ai suoi comportamenti.

In Francia la tradizione repubblicana è di più lunga data rispetto a quella dell’Italia. I nostri valori repubblicani sono quelli sanciti dalla Costituzione e quelli non scritti che pure da essa derivano. È questo il nostro esprit républicain; quello a cui ci dovremmo richiamare nell’attuale difficile emergenza dovuta alla pandemia. Al contrario siamo in un quadro pasticciato, in cui governo e opposizione concorrono in pari misura.

La conclusione è lo smarrimento del senso della Repubblica nel momento in cui, come ai tempi della lotta al terrorismo, necessiterebbe coesione; una positiva intenzione comune e non un cicaleccio tra le parti che a nulla porta, come se la soluzione del rapporto maggioranza e opposizione fosse di tipo organizzativo. Altro che cabina di regia; occorrerebbe una regia repubblicana; le aule parlamentari dovrebbero esserne le sedi.

La drammaticità, l’improvvisazione e la superficialità sono dati storici del nostro Paese. Oggi li cogliamo con chiarezza nella loro interezza; una condizione triste che nessuna mascherina può celare.

Clicca qui o sull’immagine per scaricare gratuitamente la rivista

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte ha firmato il nuovo Dpcm: ecco le nuove misure anti-Covid. Il testo sarà in vigore dal 6 novembre al 3 dicembre

next
Articolo Successivo

Il medico negazionista mette in dubbio le bare di Bergamo: “Una sceneggiata”. Lite furiosa con Parenzo a La Zanzara

next