Meglio il lockdown che chiudere alle 18.00“. Ne sono convinti i proprietari di bar, ristoranti, imprese del turismo e dell’ospitalità che si sono dati appuntamento questa mattina in piazza del Popolo a Roma per manifestare contro le ultime misure restrittive del governo, alla vigilia del prossimo Dpcm. “Non stanno salvando la salute, tantomeno l’economia”, chiarisce Anastasia Paris dell’Hotel Le Gole in provincia del L’Aquila. “Chiediamo una decisione ferma”, continua per poi esprimere il suo aut aut: “O ci chiudano con un supporto economico oppure ci facciano stare aperti per permetterci di lavorare”. Per Alessandro, proprietario di un bar a Viterbo servirebbe un lockdown breve per salvare il Natale: “Bisogna farlo subito in modo da riaprire a dicembre”.

Nel mirino le ultime decisioni del governo: “Si assumessero le loro responsabilità, perché in questo momento la crisi la stiamo pagando solo noi”, dichiara Giovanni Seddaiu, coordinatore di Italian Hospitality Network. “Quello che stiamo chiedendo è di chiuderci e di ristorarci su una base annua” spiega Roberta Pepi, coordinatrice di MIO Italia (Movimento Imprese Ospitalità), l’associazione promotrice della manifestazione. “Ma devono avere pronte le risposte future – prosegue Pepi-. Una su tutte quella di bloccare le licenze, perché la legge Bersani ha permesso purtroppo una liberalizzazione che oggi paghiamo”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I commercianti della Campania: “Lockdown subito per riaprire a Natale. In questo momento rischiamo di più a restare aperti”

next
Articolo Successivo

Lockdown Lombardia, i medici di Milano: “Sia immediato”. Il sindaco Sala: “Come marzo e aprile non si ipotizza nemmeno lontanamente”

next