“Tra le scelte più dolorose delle nuove restrizioni per abbassare i contagi da Coronavirus c’è quella relativa al settore dello spettacolo”. così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso della sua informativa alla Camera sul nuovo Dpcm. “I protagonisti del mondo dello spettacolo, artisti, musicisti, tecnici, lavoratori, stanno affrontando da molti mesi enormi difficoltà che aggravano una condizione di criticità strutturale. Purtroppo gli stessi protocolli di sicurezza, seppur hanno offerto garanzie, hanno limitato la presenza del pubblico contribuendo a un generale depauperamento del settore”, ha continuato il premier. “Questa scelta ci pesa anche per il significato che la chiusura di questi luoghi implica, per il loro valore sociale e culturale e non solo economico”, ha aggiunto sottolineando poi la tempestività con cui il governo si è attivato con il ‘Decreto Ristori’.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, Conte interviene al Senato sul nuovo dpcm: la diretta

next