Distanziamento impossibile, mezzi affollati, pendolari e lavoratori costretti a saltare corse per evitare il rischio contagio da Covid-19. Questa l’odissea quotidiana del trasporto pubblico romano, per i lavoratori e per chi è costretto a uscire di casa nelle ore di punta del mattino. “Tra le 7.30 e le 8.30 diventa dura, bisogna fare affidamento al buon senso della gente. E la paura c’è, anche per noi dipendenti”, ammette un lavoratore dell’Atac, l’agenzia del trasporto autoferrotranviario capitolino. I controlli, poi, sul rispetto della capienza massima e del distanziamento sui mezzi sono praticamente assenti: “Mai visto alcun controllo, né sulla metro, né sull’autobus”, spiegano diversi pendolari. E c’è chi preferisce attendere: “Non ho fretta, aspetterò il prossimo bus”.

C’è però chi ha tempi ridotti ed è costretto a salire su mezzi ancora affollati: “Ci rendiamo conto di essere ogni giorno a rischio, ma che possiamo fare? Devo andare a lavoro”, c’è chi afferma sconsolato. Altri, invece, rivendicano: “Inutile chiudere alle 18 bar e ristoranti, se poi la situazione nei mezzi pubblici resta questa”. Per tutti, l’esigenza è quello di aumentare il numero dei mezzi: “Altrimenti non cambierà nulla”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la metro di Milano all’ora di punta: “Meno gente di settimana scorsa, ma spesso è ancora difficile mantenere il distanziamento”

next
Articolo Successivo

Napoli, con le scuole chiuse metro meno piena. Il problema rimane sui bus: “Linee per studenti vuote, ma disagi e assembramenti sulle altre”

next