Un breve video in cui si vede un ragazzo camminare attorno ad alcune auto parcheggiate, poi attraversare la strada, probabilmente come molti testimoni hanno detto, armato di coltello, quindi spunta una donna che tenta di intervenire per aiutarlo, mentre due agenti gli puntano contro la pistola. Il ragazzo prova poi avvicinarsi ai poliziotti, loro arretrano e esplodono diversi colpi, sicuramente più di 10. È quanto si vede nel video che mostra la dinamica dell’uccisione dell’afroamericano Walter Wallace, l’ennesimo ucciso negli Stati Uniti dalla polizia. La sparatoria è avvenuta nel pomeriggio di lunedì, a Philadelphia, e ha già provocato diverse proteste. I nomi degli agenti che hanno sparato i colpi non sono stati rivelati: entrambi indossavano body cameras e, in attesa delle indagini, non saranno in servizio in strada.

La sparatoria è avvenuta in un quartiere a maggioranza afroamericana, quello di Cobbs Creek, nella zona ovest della città. Secondo la ricostruzione della polizia, gli agenti sono arrivati sul posto dopo una segnalazione di una persona con un’arma, forse proprio il coltello di cui hanno parlato i testimoni, e quando sono arrivati, avrebbero ordinato all’uomo di deporre il coltello, ma lui invece “è avanzato” verso di loro e a quel punto entrambi gli agenti hanno sparato “diverse volte”. Secondo quanto riferisce la portavoce della polizia, il 27enne è stato raggiunto da spari alla spalla e al petto, è stato poi caricato da uno degli agenti su un veicolo della polizia e portato in ospedale, dove è stato dichiarato morto poco dopo. Dopo la sparatoria dalle immagini si vedono diverse persone riunirsi attorno al corpo di Wallace a terra in strada e urlare scagliandosi contro la polizia.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, un altro afroamericano ucciso dalla polizia. Esplode la protesta a Philadelphia: scontri

next